There aren't any widgets in this section. Go to WP Admin → Appearance → Widgets and add some to Top Bar Widgets. You can disable this section in the Theme Options.

ANDREA GALVANI nel programma di residenza internazionali del MACC

La Fondazione MACC ha il piacere di annunciare la partecipazione di Andrea Galvani, artista di fama internazionale, al nostro programma di residenza.
Ricordiamo che Andrea Galvani, che vive da molti anni a New York e Mexico City, tra le tantissime mostre e progetti ha rappresentato Italia e Stati Uniti alla Biennale di Mosca (2011), avuto una importante retrospettiva al Mart, Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto (2016) e appena ricevuto il prestigioso Audemars Piguet Prize ad Arco Madrid (2019).
I suoi progetti coinvolgono spesso Istituzioni, Università e comunità scientifiche e la sua poliedrica ricerca concettuale si avvale dell’uso di fotografia, video, disegno, scultura, suono, installazione architettonica e performance.
Tra il 2005 e il 2006 Galvani ha sviluppato e prodotto in Sardegna alcune straordinarie immagini di una delle sue serie fotografiche più conosciute a livello mondiale, “Death of an Image”,  lavorando in alcune miniere abbandonate nel Sulcis Iglesiente. La Fondazione MACC ha invitato l’artista a ritornare in Sardegna ed è oggi onorata e orgogliosa di annunciare la sua residenza. In Sardegna Galvani proseguirà il suo lavoro negli stessi luoghi e nello stesso periodo dell’anno in cui, quasi 15 anni fa, si è originato e ha preso forma un importante sviluppo del sua ricerca.
Il Progetto di residenze Internazionali della Fondazione MACC, sotto la presidenza di Maricarla Armeni e la direzione artistica di Efisio Carbone, è curato da Claude Corongiu, gallerista  cagliaritana che dal 2018 ad oggi ha portato nel paese tabarkino numerosi artisti provenienti da diversi Continenti.
Biografia
Andrea Galvani (Verona, 1973) vive e lavora a New York e Città del Messico.
La sua ricerca concettuale si avvale di fotografia, disegno, scultura, performance, neon, materiali d’archivo e grandi audio e video installazioni che vengo sviluppate intorno all’ architettura degli
spazi espositivi. I suoi progetti sembrano aumentare la nostra consapevolezza, attingendo a concetti e strumenti provenienti da diverse discipline e assumendo spesso linguaggi e metodologie di
carattere scientifico.
Il lavoro di Galvani è stato esposto a livello internazionale in importanti musei e spazi istituzionali tra cui ricordiamo: il Whitney Museum di New York, la 4th Moscow Biennale of Contemporary Art di Mosca, Mediations Biennale di Poznan, in Polonia, Aperture Foundation, New York; The Calder Foundation, New York; Pavilion – Center for Contemporary Art and Culture, Bucharest; il Mart Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto; Museo Macro, Roma; GAMeC, Bergamo; De Brakke Grond, Amsterdam; Den Frie Centre of Contemporary Art, Copenaghen; Sculpture Center, New York; e molti altri. Le sue opere fanno parte delle principali collezioni pubbliche e private in Europa, nelle Americhe, in Asia e in Africa, tra cui: la Collezione permanente presso il Dallas Museum of Art, Texas; Deutsche Bank Collection, Londra; Artist Pension Trust, New York; la Contemporary Art Society, Aspen Collection, New York; la UniCredit Art Collection,
Milano; the Permanent Collection of the United States Library of Congress, Prints and Photographs Division, Washington, DC; il Mart Museum of Modern and Contemporary Art di Trento e Rovereto; la 500 Capp Street Foundation, San Francisco; e MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, Roma. Tra i moltissimi grant e residency internazionali ricordiamo la sua  partecipazione a Location One International Artist Residency Program a New York (2008), LMCC Lower Manhattan Cultural Council (2009), e il MIA Artist Space / Columbia University Department of Fine Arts (2010).
Nel 2011 ha ricevuto il New York Exposure Prize ed è stato nominato per il prestigioso Deutsche Börse Photography Prize. Nel 2016, il Museo del Mart di Trento e Rovereto ha presentato la prima retrospettiva midcareer di Galvani in Europa. Nel 2017, il suo lavoro è stato selezionato per rappresentare la Deutsche Bank Collection a Frieze New York. Nel 2019 ha ricevuto il prestigioso Audemars Piguet Prize. www.andreagalvani.com
Le residenze sono parte del progetto di innovazione culturale CULTURElab di Regione Sardegna, fondi POR- FSE, sponsorizzate tramite Art Bonus (www.artbonus.gov.it) da FREM GROUP.

There are no comments published yet.

Leave a Comment

Loghi Istituzionali