There aren't any widgets in this section. Go to WP Admin → Appearance → Widgets and add some to Top Bar Widgets. You can disable this section in the Theme Options.
Guido Gorza

Chi è Gino Gorza

Testo a cura di Ivana Mulatero

Gino Gorza nasce il 6 novembre 1923 a Bassano del Grappa (Vicenza) da una famiglia che segue gli spostamenti di lavoro del padre. Giunto a Torino, diviene allievo di Felice Casorati all’Accademia Albertina e si diploma nel 1948. L’apprendistato presso il maestro plasma un’attitudine rigorosa e analitica al fare pittorico e determina nel contempo un impegno radicale nel ruolo di formatore di coscienze estetiche.

Diviene docente nelle scuole medie nel 1942, quindi al Liceo Artistico e poi all’Accademia Albertina di Torino (dal 1974) dove tiene il corso “Aspetti propedeutici e metodologici della progettazione”. L’interesse per l’insegnamento, a tutti i livelli, si traduce in una serie di testi didattici, “Vedere” (1961), “Nozione figurativa” (1963), “Realtà e figura” (1967), fino al volume “Via piana della figura” uscito postumo (ed. Masoero, Torino 2002, a cura di A. Maglioni) che sintetizza una vita di studio e di esperienze sull’immagine.

Uomo di vastissima cultura filosofica, linguistica e antropologica e di interessi conoscitivi che variano dai miti classici alla spiritualità orientale, Gorza coltiva in parallelo la pittura dedicandosi agli studi della figura umana con i quali espone alle due edizioni della Biennale di Venezia del 1948 e del 1950.

Gradualmente la sua ricerca approda a un’astrazione dinamica che rifugge la modularità per privilegiare le forme e i ritmi della composizione. Alla successiva fase informale appartiene la pittura-scrittura, la grafia s’immerge in una materia pastosa e fluida, lascia delle tracce negli spessori e dà origine alle cosiddette “paste alte” dei cicli denominati “Impronte” e “Panoplie” datati inizio anni Sessanta.

La ricerca sui materiali e sulle facoltà ottico-percettive rimette in discussione la differenza di genere tra pittura e scultura, attuando un sottile passaggio tra la bi- tridimensione. Il quadro si carica di valenze fisiche e oggettuali e assume un aggetto nella dimensione reale dell’esistente come attesta il ciclo dei “Bivalvi”.

Quasi dei monocromi plastici, essenziali e minimali nelle forme, che coniugano i valori di leggerezza e sospensione, purezza e ritmo compositivo, la matrice vera di ogni opera di Gorza.

Il 6 settembre 2001 muore nella sua casa-studio a Torino.

1 Comments for : Chi è Gino Gorza
    • Andrea Marello
    • 22 luglio 2016

    E’ stato uno dei miei professori migliori all’accademia di belle arti a Torino, dove ho frequentato uno dei corsi che più mi hanno divertito e fatto crescere! Grazie Gorza anche se un po’in ritardo.

Comments are closed.