it Italian
en Englishfr Frenchde Germanit Italianes Spanish
There aren't any widgets in this section. Go to WP Admin → Appearance → Widgets and add some to Top Bar Widgets. You can disable this section in the Theme Options.
Il Museo MACC osserverà i seguenti orari
Dal martedì alla domenica dalle ore 17:00 alle ore 21:00
Lunedì chiuso
Dal 10 aprile:
Martedì - venerdì ore 17-20
Sabato - domenica ore 10-13 / 17-20
Lunedì chiuso

Dolce è la guerra per chi non l’ha vissuta

a cura di Efisio Carbone

Opening: sabato 16 luglio 2022, ore 19.00

dal 17 luglio al 25 settembre 2022

Fondazione MACC, Via Savoia 2, Calasetta (SU)

Fondazione MACC, in collaborazione con Prometeo Gallery Ida Pisani, è lieta di presentare Dulce bellum inexpertis. Dolce è la guerra per chi non l’ha vissuta, una mostra collettiva che accoglie i lavori di artisti che si sono distinti nella scena internazionale per la loro ricerca incentrata su istanze politiche e sociali. Dal 17 luglio 2022 al 25 settembre 2022, il Museo d’Arte Contemporanea di Calasetta (SU) ospita infatti i lavori di Filippo Berta, Zehra Doğan, Regina José Galindo, Edson Luli, Rosanna Rossi e Santiago Sierra, in un dialogo con opere provenienti dalla Collezione Alpegiani di Torino.

La guerra può essere giusta? La violenza può essere giustificata? Erasmo da Rotterdam commenta il motto di Vegezio “Dulce bellum inexpertis” stabilendo nei suoi Adagia che la guerra giusta semplicemente non esiste e che il fine vero dietro ogni conflitto è il guadagno, o meglio la spoliazione e il degrado dei beni altrui. Il pensiero di Erasmo sembra rifiorire nelle riflessioni di Aimé Césaire, in particolare nel suo Discorso sul colonialismo 1950-55, secondo il quale, dietro l’idea ipocrita di esportare una falsa civilizzazione, l’Occidente stende la sua ombra oscura, lasciando società svuotate della propria essenza, culture e religioni calpestate, istituzioni messe a repentaglio, terre confiscate, splendori artistici annientati e straordinarie opportunità soppresse. Il recente conflitto russo-ucraino, ha riportato le atrocità della guerra in Europa, segnando un nuovo choc dopo la Seconda Guerra Mondiale e l’esperienza novecentesca dei totalitarismi. Gli artisti invitati in mostra raccontano, ciascuno con la propria poetica, l’impegno su temi comuni, sui conflitti che attraversano territori, popoli, comunità. Ogni autore offre la propria esperienza e i propri interrogativi senza fornire risposte assolute, ma piuttosto riflessioni condivise, auspicando un senso critico che travalichi i confini e rigeneri appartenenza.

Artisti in Mostra
  • FILIPPO BERTA
  • ZHERA DOGAN
  • EVA FISCHER
  • REGINA JOSE’ GALINDO
  • TAMAS KASZAS
  • EDSON LULI
  • MARIA LAI
  • TONEL
  • CAROL RAMA
  • ROSANNA ROSSI
  • SANTIAGO SIERRA

There are no comments published yet.

Leave a Comment

Loghi Istituzionali